La gemma
La sua storia
le sue proprietà
la sua leggenda


I gioielli
la nuova Collezione
il nuovo lusso
i tagli disponibili
la lavorazione
ordina il catalogo


Per approfondire
Moissanite perchè
Le carateristiche
gemmologiche
Tabella comparativa


Le Gioiellerie


Chi siamo
il nostro libro
come contattarci


Le caratteristiche della Moissanite
IMMAGINI FOTOGRAFICHE
Inclusioni, colori e forme.

I TAGLI DELLA MOISSANITE CHARLES & COLVARD


Introduzione
La Moissanite sintetica ( la formula chimica è SiC, carburo di silicio ) è una nuova gemma che attualmente rappresenta la migliore e più convincente alternativa al diamante.
Sebbene la Moissanite esista in natura solo d'origine meteoritica, non è mai stato ritrovata in dimensioni tali da poter essere sfaccettata.

Come sempre accade con l'introduzione di una nuova gemma sintetica, si è verificato anche con la Moissanite un considerevole riflesso nel mercato della gioielleria.

Sono passati 23 anni da quando, nel 1976, la zirconia cubica è stata introdotta nel mercato come ottimo simulante il diamante. Questo probabilmente è il più lungo periodo in cui una gemma sintetica simulante il diamante abbia regnato incontrastata nel mercato della gioielleria, senza che altri sostituti siano riusciti ad imporsi validamente.
Tutte le altre imitazioni del diamante hanno deficienze significative; ad esempio lo spinello sintetico, lo zaffiro incolore e il granato di ittrio e alluminio ( YAG ) sono molto meno brillanti; il rutilo sintetico e il titanato di stronzio ( ST ) sono troppo teneri; il granato di gadolinio e gallio ( GGG ) e la zirconia cubica hanno un alto peso specifico e dei riflessi metallici molto diversi dal diamante.
Al contrario, la Moissanite ha, mettendo alcuni valori a confronto:
  • l'indice di rifrazione non molto più alto di quello del diamante (2,65/2,69 contro 2,42 );
  • la dispersione alta ( 0,104 ) ma non troppo eccessiva come il titanato di stronzio ( 0,190 ), mentre nel diamante è 0,044;
  • il peso specifico leggermente più basso di quello del diamante ( 3,22 contro 3,52 );
  • una durezza (9,25 ) seconda solo al diamante ( 10 );
  • una resistenza superiore a quella del diamante perché non presenta una pronunciata sfaldatura ottaedrica secondo il piano { 111 }; tuttavia può essere relativamente debole secondo il piano { 0001 }.
La Moissanite sintetica presenta una significativa birifrangenza ( 0,043 ), minore di quella dello zircone naturale ( 0,059 ), e di quella altissima del rutilo sintetico ( 0,330 ).
Quest' effetto non è facilmente rilevabile perché le pietre sono tagliate perpendicolarmente all'asse ottico. Guardando perpendicolarmente attraverso la tavola della gemma quindi, non vedremo lo sdoppiamento nella zona della tavola e dell'apice; questo è visibile solo osservando dalla tavola la riflessione delle faccette del padiglione oppure, con notevole difficoltà, guardando attraverso la cintura della pietra.

La ditta americana Charles & Colvard Inc detiene due brevetti in esclusiva mondiale ( Hunter e Verbiest 1998 ) per la produzione della Moissanite sintetica. Anche il tester per l'identificazione della Moissanite prodotto dalla Charles & Colvard Inc è stato brevettato a livello mondiale nel luglio del 1998.
Attualmente è in fase di studio la crescita della Moissanite sintetica politipo 15 R che presenta un bel colore giallo intenso.
La Charles & Colvard Inc ha avviato la distribuzione della Moissanite sintetica ad un limitato numero di distributori in America e nel mondo nel 1998.
Nel 1998 sono stati venduti 18.000 ct, e 14.000 nel primo trimestre del 1999.


Torna su






www.moissaniteitalia.com - Il sito ufficiale italiano sulla Moissanite - v. 2.0 - Webmaster: peo.